L’Alveare Che Dice Sì per incontrarsi e mangiare sano

Un nuovo modo eco e smart per gustare i prodotti locali


L'Alveare Che Dice Sì!

In Via Washington 82 a Milano è in corso di realizzazione un nuovo Alveare Che Dice Sì. Walter, il promotore dell’iniziativa, lo annuncia così:

“Stiamo costruendo l’Alveare di Via Washington. Troverete prodotti freschi, di qualità e di stagione consegnati direttamente dai produttori (bello e giusto guardare negli occhi chi ci permette una spesa sana). Sarà anche un’occasione di degustare qualcosa di nuovo e di scambiare due parole su cosa compriamo, sulle ricette, sui prodotti o anche solo sul tempo che fa o farà. Il tutto senza code, stress e spero col sorriso. Ci servono il vostro entusiasmo e la vostra collaborazione. Iscrivetevi e parlatene con chi pensate possa essere interessato ad un nuovo modo di fare la spesa.”

Ma di cosa si tratta?

Il progetto inizia a svilupparsi in Francia nel 2011 con La Ruche qui dit Oui ! e continua ad espandersi come The Food Assembly in Inghilterra, Spagna, Germania e Belgio, contando più di 700 Alveari. In Italia si inizia a sviluppare il progetto nel Settembre del 2014 quando aprono i primi Alveari a Torino verso la fine di Novembre. Da allora la rete ha continuato la sua espansione non solo in Piemonte ma nel resto del paese.

L’Alveare che dice Sì! alimenta la cultura dell’imprenditoria sociale e propone un modello unico di start-up solidale. Ogni Alveare ha la possibilità di portare avanti un progetto autonomo che si inscrive in una logica collettiva. In breve tempo tutte queste micro-imprese o associazioni mirano a formare un nuovo modo di vivere l’economia, sociale e positiva.

Come funziona?

Attraverso l’utilizzo della rete e l’incontro tra le persone si vuole accorciare la distanza tra produttori locali e consumatori per perseguire un modello economico di prossimità, più equo e sano per tutti.

Per i consumatori infatti è possibile:

  • ordinare online cioè che si desidera (frutta,verdura, pane, carne, birra, etc …) e quando lo si vuole;
  • ritirare i propri prodotti presso l’Alveare preferito ed incontrare i produttori;
  • mangiare meglio, scegliendo per ogni stagione i prodotti migliori della propria regione;
  • mangiare in modo equo e solidale, favorendo una più giusta remunerazione per i produttori.

Per i produttori i vantaggi sono i seguenti:

  • la possibilità di fissare liberamente il prezzo;
  • avere il pieno controllo della quantità e disponibilità dei propri prodotti;
  • conoscere in anticipo i propri guadagni;
  • accorciare i tempi dei pagamenti
  • accedere a servizi di supporto alla contabilità ed alla gestione della vendita.

Un’iniziativa quindi che attraverso gli strumenti digitali cerca di costruire un modello di consumo più eco e social.

Per scoprire tutte le informazioni e dove trovare gli alveari potete consultare il sito L’Alveare Che Dice Sì! Tutte le informazioni sul nuovo Alveare di Via Washington sono disponibili qui.