Addio Expo Gate

Verrà smantellata l'opera che ha diviso i milanesi


“Addio”, oggi finisce ufficialmente la vita milanese di Expo Gate, le due piramidi che erano state inaugurate il 10 maggio del 2014 in vista dell’appuntamento con Expo dell’anno successivo. La struttura, che ospitava un punto informazioni per l’esposizione universale, non aveva riscosso moltissimo successo tra i cittadini. Soprattutto perché “colpevole” di oscurare il Castello. A febbraio scorso la giunta Pisapia aveva deciso di lasciare le due piramidi lì, per la “XXI Triennale di Milano”. Poi a settembre era stata presa la decisione finale, e definitiva, sul futuro delle piramidi.

L’opera che ha diviso i milanesi

Nel giro di qualche giorno, insomma, da largo Cairoli sparirà ogni traccia di Expo Gate e si potrà iniziare a pensare al futuro di piazza Castello, che sarà completamente rivoluzionata. Il Comune ha deciso infatti che Piazza Castello, Foro Bonaparte e Largo Beltrami saranno riqualificati. Per questo, è stato lanciato un concorso internazionale di progettazione..

Le proposte arrivate sono state numerose ed entro fine ottobre saranno scelti i dieci finalisti. A decidere una commissione che vedrà anche la partecipazione di esperti dei comitati dei residenti. Per un percorso, assicurano l’Assessore all’Urbanistica Pierfrancesco Maran e il Presidente del Municipio 1 Fabio Arrigoni ,”il più partecipato e condiviso possibile anche da chi vive nella zona”.


Commenta per primo

Lascia un commento